Rilassamento

Chiudi gli occhi e rilassa completamente tutto il tuo corpo. Se ne hai bisogno, fai dei movimenti distensivi per le spalle, il collo e le braccia.

Quando il corpo sarà completamente sciolto, concentra tutta la tua attenzione sul respiro e inizia a renderlo più lungo e profondo, a calmarlo, a renderlo lento.

Fai una inspirazione profonda e poi espira dalla bocca, scaricando tutte le emozioni e le tensioni interne verso la Terra. Ripeti questo tipo di respirazione (pranayama) fino a quando non ti senti libero dalle emozioni e dalle tensioni interne.

Ritiro dei sensi (Pratyahara) e concentrazione (Dharana)

Ascolta tutti i suoni esterni, immagina di avere un radar che gira intorno alla tua testa, scandagliando tutto lo spazio intorno a te. Immagina che sia il più ampio possibile e che rilevi i suoni più distanti che possono giungere alle tue orecchie. Poi man mano restringi il raggio e percepisci i suoni man mano più vicini, fino a quelli all’interno dell’edificio, poi interni alla tua casa, poi interni alla tua stanza e infine entra dentro il corpo, concentra il tuo sguardo nel buio delle palpebre chiuse e ascolta il suono del tuo respiro, rimanendo concentrato su questo suono, rivolgendo tutto il tuo interesse e la tua attenzione ai suoni e alle sensazioni del tuo corpo, del tuo mondo interiore.

Riequilibrio bioenergetico dei chakra

Questa meditazione è utile conoscere le parti interne del proprio corpo e i centri nervosi più importanti. È utile per risvegliare e far riemergere emozioni nascoste dentro di sé.

Porta il tuo respiro nel primo chakra: nell’osso sacro e in tutta la zona perineale compreso l’inguine e il bacino. Osserva il respiro, i movimenti che provoca e le sensazioni che provengono da questa zona per sette lunghi e profondi respiri.

Sposta il tuo respiro nel secondo chakra: poco più sotto dell’ombelico, in tutta la zona addominale e dietro, nelle vertebre lombari. Senti l’intestino, la vescica, la prostata per gli uomini, l’utero e le ovaie, per le donne e i reni nella parte posteriore. Osserva il respiro, i movimenti che provoca e le sensazioni che provengono da questa zona per sette lunghi e profondi respiri.

Sposta il tuo respiro nel terzo chakra: all’altezza dello stomaco, e dietro, nelle vertebre. Senti lo stomaco, il fegato a destra dello stomaco, la cistifellea sotto il fegato, il pancreas e la milza a sinistra dello stomaco. Osserva il respiro, i movimenti che provoca e le sensazioni che provengono da questa zona per sette lunghi e profondi respiri.

Sposta il tuo respiro nel quarto chakra: all’altezza del cuore, in tutto il torace e dietro nelle vertebre dorsali. Senti i polmoni, il cuore, le scapole. Osserva il respiro, i movimenti che provoca e le sensazioni che provengono da questa zona per sette lunghi e profondi respiri.

Sposta il tuo respiro nel quinto chakra: all’altezza della gola, senti la gola e le vertebre cervicali. Osserva il respiro, i movimenti che provoca e le sensazioni che provengono da questa zona per sette lunghi e profondi respiri.

Sposta il tuo respiro nel sesto chakra: nel punto al centro tra le sopracciglia, negli occhi, nella testa alla base del cervello. Osserva il respiro, i movimenti che provoca e le sensazioni che provengono da questa zona per sette lunghi e profondi respiri.

Sposta il tuo respiro nel settimo chakra: nella parte più alta della testa, nella fontanella, una piccola apertura sul cranio. Senti il cervello e immagina di respirare dalla fontanella, senti l’aria entrare ed uscire dall’apice della testa.  Osserva le sensazioni che provengono da questa zona per sette lunghi e profondi respiri.

Ripetiamo con i colori.

Porta il tuo respiro nel primo chakra: nell’osso sacro e in tutta la zona perineale compreso l’inguine e il bacino. Osserva il respiro, i movimenti che provoca e le sensazioni che provengono da questa zona e, aiutandoti ancora con il respiro, riempi questa parte di un liquido rosso. Ad ogni respiro, sentilo penetrare sempre più profondamente negli organi, poi nei tessuti e poi nelle cellule per sette lunghi e profondi respiri.

Sposta il tuo respiro nel secondo chakra: poco più sotto dell’ombelico, in tutta la zona addominale e dietro, nelle vertebre lombari. Senti l’intestino, la vescica, la prostata per gli uomini, l’utero e le ovaie, per le donne e i reni nella parte posteriore. Osserva il respiro, i movimenti che provoca e le sensazioni che provengono da questa zona e, aiutandoti ancora con il respiro, riempi questa parte di un liquido arancione. Ad ogni respiro, sentilo penetrare sempre più profondamente negli organi, poi nei tessuti e poi nelle cellule per sette lunghi e profondi respiri.

Sposta il tuo respiro nel terzo chakra: all’altezza dello stomaco, e dietro, nelle vertebre. Senti lo stomaco, il fegato a destra dello stomaco, la cistifellea sotto il fegato, il pancreas e la milza a sinistra dello stomaco. Osserva il respiro, i movimenti che provoca e le sensazioni che provengono da questa zona e, aiutandoti ancora con il respiro, riempi questa parte di un liquido giallo. Ad ogni respiro, sentilo penetrare sempre più profondamente negli organi, poi nei tessuti e poi nelle cellule per sette lunghi e profondi respiri.

Sposta il tuo respiro nel quarto chakra: all’altezza del cuore, in tutto il torace e dietro, nelle vertebre dorsali. Senti i polmoni, il cuore, le scapole. Osserva il respiro, i movimenti che provoca e le sensazioni che provengono da questa zona e, aiutandoti ancora con il respiro, riempi questa parte di un liquido verde. Ad ogni respiro, sentilo penetrare sempre più profondamente negli organi, poi nei tessuti e poi nelle cellule per sette lunghi e profondi respiri.

Sposta il tuo respiro nel quinto chakra: all’altezza della gola, senti la gola e le vertebre cervicali. Osserva il respiro, i movimenti che provoca e le sensazioni che provengono da questa zona e aiutandoti ancora con il respiro, riempi questa parte di un liquido turchese. Ad ogni respiro, sentilo penetrare sempre più profondamente negli organi, poi nei tessuti e poi nelle cellule per sette lunghi e profondi respiri.

Sposta il tuo respiro nel sesto chakra: nel punto al centro tra le sopracciglia, negli occhi, nella testa alla base del cervello. Osserva il respiro, i movimenti che provoca e le sensazioni che provengono da questa zona e, aiutandoti ancora con il respiro, riempi questa parte di un liquido blu indaco (È il colore che il cielo assume prima dell’alba e appena dopo il tramonto). Ad ogni respiro, sentilo penetrare sempre più profondamente negli organi, poi nei tessuti e poi nelle cellule per sette lunghi e profondi respiri.

Sposta il tuo respiro nel settimo chakra: nella parte più alta della testa, nella fontanella, una piccola apertura sul cranio. Senti il cervello e immagina di respirare dalla fontanella, senti l’aria entrare ed uscire dall’apice della testa.  Osserva le sensazioni che provengono da questa zona e aiutandoti ancora con il respiro, riempi questa parte di un liquido bianco e violetto. Ad ogni respiro, sentilo penetrare sempre più profondamente negli organi, poi nei tessuti e poi nelle cellule per sette lunghi e profondi respiri.

Connessione bioenergetica dei chakra

Siediti o immagina di fronte a te la persona con la quale vuoi connettere i tuoi chakra.

Porta il tuo respiro nel primo chakra: nell’osso sacro e in tutta la zona perineale compreso l’inguine e il bacino. Osserva il respiro, e immagina un liquido dorato e luminoso per sette lunghi e profondi respiri. Immagina questa energia uscire dal primo chakra e connettersi con il chakra della persona di fronte a te. Immagina di dare la tua energia e ricevere l’energia con la persona con la quale vuoi scambiare la tua energia.

Immagina il liquido dorato che sale lungo la colonna vertebrale ad ogni inspirazione immagina che salga sempre di più fino al chakra successivo per sette lunghi e profondi respiri.

Porta questa energia fino al secondo chakra: poco più sotto dell’ombelico, in tutta la zona addominale e dietro, nelle vertebre lombari. Immagina questa energia uscire dal primo chakra e connettersi con il chakra della persona di fronte a te. Immagina di dare la tua energia e ricevere l’energia con la persona con la quale vuoi scambiare la tua energia.

Immagina il liquido dorato che sale lungo la colonna vertebrale ad ogni inspirazione immagina che salga sempre di più fino al chakra successivo per sette lunghi e profondi respiri.

Porta questa energia fino al terzo chakra: all’altezza dello stomaco, e dietro, nelle vertebre. Immagina questa energia uscire dal primo chakra e connettersi con il chakra della persona di fronte a te. Immagina di dare la tua energia e ricevere l’energia con la persona con la quale vuoi scambiare la tua energia.

Immagina il liquido dorato che sale lungo la colonna vertebrale ad ogni inspirazione immagina che salga sempre di più fino al chakra successivo per sette lunghi e profondi respiri.

Porta questa energia fino al quarto chakra: all’altezza del cuore, in tutto il torace e dietro, nelle vertebre dorsali. Immagina questa energia uscire dal primo chakra e connettersi con il chakra della persona di fronte a te. Immagina di dare la tua energia e ricevere l’energia con la persona con la quale vuoi scambiare la tua energia.

Immagina il liquido dorato che sale lungo la colonna vertebrale ad ogni inspirazione immagina che salga sempre di più fino al chakra successivo per sette lunghi e profondi respiri.

Porta questa energia fino al quinto chakra: all’altezza della gola, senti la gola e le vertebre cervicali. Immagina questa energia uscire dal primo chakra e connettersi con il chakra della persona di fronte a te. Immagina di dare la tua energia e ricevere l’energia con la persona con la quale vuoi scambiare la tua energia.

Immagina il liquido dorato che sale lungo la colonna vertebrale ad ogni inspirazione immagina che salga sempre di più fino al chakra successivo per sette lunghi e profondi respiri.

Porta questa energia fino al sesto chakra: nel punto al centro tra le sopracciglia, negli occhi, nella testa alla base del cervello. Immagina questa energia uscire dal primo chakra e connettersi con il chakra della persona di fronte a te. Immagina di dare la tua energia e ricevere l’energia con la persona con la quale vuoi scambiare la tua energia.

Immagina il liquido dorato che sale lungo la colonna vertebrale ad ogni inspirazione immagina che salga sempre di più fino al chakra successivo per sette lunghi e profondi respiri.

Porta questa energia fino al settimo chakra: nella parte più alta della testa, nella fontanella, una piccola apertura sul cranio. Immagina questa energia uscire dal settimo chakra

Infine respira per sette volte, immaginando il liquido dorato che sale lungo la colonna vertebrale fino a fuoriuscire dalla fontanella;

Respirazione circolare

Ora immagina la energia (kundalini) nella forma di questo liquido dorato che sale lungo tutta la colonna vertebrale, dall’osso sacro fino all’apice della testa per uscirne, come uno zampillo dalla fontanella. Ad ogni ispirazione sentire il liquido che sale lungo la colonna e ad ogni espirazione immagine il liquido che esce dalla testa ricadere intorno al corpo per rientrare dal primo chakra, e con l’inspirazione successiva risalire nella colonna.
La respirazione diventa circolare.


Continuare per qualche minuto e poi

Rilassamento

Stendersi in posizione “SHAVASANA”, cioè sdraiati per almeno una decina di minuti di meditazione, relax e ascolto, con gli occhi chiusi, le braccia liberamente ai lati del corpo, le palme in su e le gambe leggermente divaricate. Osserva cosa accade nel tuo corpo e nella tua mente.

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Live
  • email
  • Twitter
  • Blogplay
  • Print